Altri Filtri
Prodezze e prodigi nel mondo antico.

Prodezze e prodigi nel mondo antico.

Condividi su:

Persiste oggi la diffusa convinzione delle origini cinesi del circo moderno e contemporaneo, evidentemente dovuta alla sommaria circolazione delle conoscenze sulle antiche fonti materiali e scritte relative al numero, alla varietà e al valore delle performances prima orientali, egizie e cretesi, poi greche e romane, documentabili a riguardo del percorso seguito nel tempo dalla pratica circense e dal cosiddetto spettacolo di piazza o di strada.
In questo libro è stata riversata - operando una selezione funzionale allo scopo perseguito dallautore - la documentazione soprattutto iconografica, ma anche letteraria ed epigrafica, inerente a danzatori acrobatici, equilibristi e giocolieri, burattinai, trampolisti e funamboli, prestigiatori e fachiri, domatori e addestratori di animali, incantatori di serpenti, che si esibirono, tra pubblico e privato, nel contesto delle antiche civiltà semitica e ittita, egizia e degli Hyksos, cretese ed ellenica, etrusca, magnogreca e siceliota, romana.
Tale documentazione - accresciutasi in maniera sensibile sul piano archeologico e figurativo da quando Waldemar Deonna pubblicò il suo celebre Symbolisme de lacrobatie antique (1953) - è da considerarsi imprescindibile per ogni tentativo volto a tracciare verosimili ricostruzioni di un fenomeno tanto esteso e articolato come quello delle antiche performances spettacolari che non rientravano nei rigidi confini dellattività drammatica. Essa si presenta, inoltre e soprattutto, di straordinaria portata per una più attenta riflessione sul rilevante contributo che la società greca e romana offrì - come in rapporto al teatro - agli sviluppi di tali pratiche nelle epoche ad essa successive, fino ai nostri giorni.

Luigi Todisco è Professore Ordinario di Archeologia Classica e insegna Archeologia e storia dellarte greca e romana nellUniversità di Bari.
Con lErma di Bretschneider ha pubblicato Il Pittore di Arpi, Mito e società nella Daunia del tardo IV secolo a. C. (2008) e, insieme a Margherita Catucci, il fascicolo 73 del Corpus Vasorum Antiquorum Italia, Matera, Museo Nazionale Domenico Ridola. Collezione Rizzon, I, (2007). Ha curato, inoltre, il lavoro monumentale su La ceramica a figure rosse della Magna Grecia e della Sicilia, I-III (2012).

Sommario

Ringraziamenti e Avvertenze

I. Introduzione

II. Tradizione letteraria ed epigrafica

1. Età greca
2. Età romana

III. Iconografia
a. Testimonianze
Siria
Egitto
Egitto, Regione degli Hyksos
Anatolia e Asia Minore
Creta
Grecia
Etruria
Magna Grecia e Sicilia
Materiali di età ellenistica senza provenienza
Italia romana
Province romane
Materiali di età romana senza provenienza

b. Inquadramento
1. Oriente ed Egitto
2. Creta
3. Grecia
4. Etruria
5. Magna Grecia e Sicilia
6. Italia e Province romane

IV. Conclusioni

V. Note

Tabelle
Sigle
Abbreviazioni bibliografiche
Indici analitici
Tavole
Referenze fotografiche

Forse ti potrebbe interessare anche

Iscriviti alla Newsletter

Per essere informato regolarmente sulle nostre novità.