Altri Filtri
Archeologia del commercio e del consumo a Napoli nella tarda età imperiale

Archeologia del commercio e del consumo a Napoli nella tarda età imperiale

Condividi su:

Il volume analizza tre contesti del centro storico di Napoli (Girolomini, Santa Patrizia e Piazza Bovio) che forniscono un insight su un orizzonte cronologico, compreso tra lultimo quarto del IV sec. d.C. e la prima metà del V sec. d.C., quasi sconosciuto a Napoli ma di grande rilevanza sia per quanto riguarda la cultura materiale che le modalità di organizzazione della vita quotidiana, per i molteplici indizi di quei cambiamenti che caratterizzeranno la seconda metà del V secolo. Lo studio si basa sullanalisi dei reperti ceramici con approfondimenti archeometrici per alcune classi relativi sia a questioni di provenienza che di carattere tecnologico. Da un piano strettamente ceramologico e ceramo-centrico lanalisi si muove poi verso la ricostruzione dei consumi, delle modalità conviviali e di cottura, e la definizione del paesaggio economico su scala locale, regionale e mediterranea. I dati ceramologici sono integrati con le evidenze archeozoologiche e di altre classi di materiale (vetri, metalli) anche mediante lapplicazione di metodi di statistica multivariata che permettono di guardare ai contesti ceramici con nuove ipotesi interpretative.

The volume analyzes three contexts of the historic centre of Naples (Girolomini, Santa Patrizia and Piazza Bovio) that provide an insight into a chronological horizon, between the last quarter of the 4th century AD and the first half of the 5th century AD, almost unknown in Naples but of great importance both in terms of material culture and how to organize daily life, for the many clues of those changes that will characterize the second half of the fifth century. The study is based on the analysis of ceramic finds with archaeometrical insights for some classes related both to issues of origin and technological character. From a strictly ceramological and ceramocentric plan, the analysis then moves towards the reconstruction of consumption, convivial and cooking methods, and the definition of the economic landscape on a local, regional and Mediterranean scale. The pottery data are integrated with archeozoological finds and evidence of other classes (such as glass, metals) applying multivariate analysis that leads to new interpretative hypothesis of the ceramic assemblages.

Premessa (D. Giampaola)
Introduzione (L. Toniolo)
CAPITOLO I
La provincia Campania tra il IV e il V sec. d.C.
Orizzonti di cambiamento nella provincia Campania tra il IV e il V sec. d.C.
I.1.Napoli e la baia: un insight storico-economico
1.2.1. Il porto di Neapolis in età tardo-antica
CAPITOLO II
I contesti archeologici e gli assemblaggi ceramici
II.1.Uno spazio domestico: il contesto dei Girolomini
II.1.1.Lassemblaggio ceramico dei Girolomini
II.2.Un probabile spazio domestico alle spalle del teatro: Santa Patrizia.
II.2.1.Lassemblaggio ceramico di Santa Patrizia
II.3.Uno spazio commerciale tra terra e mare: il contesto di Piazza Bovio - Stazione Università (MNU)
II.3.1.Gli assemblaggi ceramici di Piazza Bovio
II.3.2.Orizzonti cronologici dei contesti ceramici
CAPITOLO III
Lunità minima del vasellame: la classificazione macroscopica degli impasti
III.1.Approccio metodologico
III.2.Tipologia degli impasti
III.2.1Produzioni campane
III.2.2Produzioni dellItalia meridionale
III.2.3Produzioni iberiche
III.2.4Produzioni africane
III.2.5Produzioni orientali
III.2.6Produzioni Levantine
III.2.7Produzioni non identificate
CAPITOLO IV
Le analisi archeometriche (con il contributo di A. De Francesco, R. Scarpelli).
Le analisi archeometriche: metodologie e obbiettivi della ricerca
Lo status quaestionis della ricerca archeometrica relativa alla ceramica tardo-antica campana
Le analisi minero-petrografiche
Appendice-Campionamento e analisi preliminari delle arenarie della penisola sorrentina
Lanalisi difrattometrica
Le analisi chimiche (X-Ray Fluorescence)
Riflessioni sui fabrics individuati
Analisi dei rivestimenti della ceramica ingubbiata
CAPITOLO V
Dalla materia prima alle forme: lo studio tipologico e ceramo-centrico. Il caso
della ceramica fine
V.1La ceramica fine: trends e modelli di circolazione
V.2Lo studio tipologico: approccio metodologico
V.3Sezione consultabile e scaricabile allindirizzo: http://www.lerma.it/....................pdf
CAPITOLO VI
Le lucerne: tipi, trends e modelli di circolazione
VI.1Le lucerne: trends e modelli di circolazione
VI.2Le produzioni micro-regionali e regionali
VI.3Le produzioni africane
VI.4I tipi
CAPITOLO VII
I contenitori da trasporto: tipi, trends e modelli di circolazione
VII.1Produzioni italiche
VII.2Produzioni ispaniche
VII.3Produzioni africane
VII.4Produzioni orientali
VII.5Produzioni Levantine
VII.6Sezione consultabile e scaricabile allindirizzo: http://www.lerma.it/..................pdf
CAPITOLO VIII
La ceramica comune: tipi, trends e modelli di circolazione
VIII.1Le produzioni micro-regionali al tornio veloce
VIII.2Archeologia del cambiamento: le produzioni regionali da fuoco al tornio lento
VIII.3Produzioni di Pantelleria
VIII.4Ceramica da fuoco di produzione africana
VIII.5Ceramica da fuoco di produzione egeo-anatolica
VIII.6Ceramica da fuoco di produzione levantina
VIII.7Micaceous Ware266
VIII.8Ceramica da fuoco di possibile produzione sarda
VIII.9Le produzioni micro-regionali di ceramica comune da mensa e dispensa
VIII.10Verso una definizione delle produzioni regionali ingubbiate: impasti,
VIII.11Verso un nuovo orizzonte ceramico dalle produzioni ingubbiate alle produzioni dipinte
VIII.12Ceramica a vernice rossa
VIII.13Le ceramiche comuni africane
VIII.14Le ceramiche comuni oriental
VIII.15Ceramiche comuni di possibile produzione siciliana
VIII.16Lo studio tipologico: approccio metodologico http://www.lerma.it/.......................pdf
CAPITOLO IX
Il consumo: verso unarcheologia del gusto
IX.1Le classi morfologiche
IX.2Dallanalisi funzionale all unità funzionale di un gruppo domestico
IX.3Lo spazio relazionale della cena: personal vessels, side dishes, service vessels e shared vessels
IX.4Dalla base della catena alimentare a una archeologia del gusto: analisi archeozoologiche e forme funzionali
IX.4.1Il contesto dei Girolomini: i resti di pasto di un ricco gruppo Domestic
IX.4.2Il contesto di Santa Patrizia: i resti di pasto di un gruppo domestico della middle-class napoletana
IX.5. Forme, alimentazione e consumo: ritratto di una società in trasformazione
CAPITOLO X
Archeologia del commercio: dalla baia al Mediterraneo
X.1Il commercio su scala micro-regionale
X.2Il commercio su scala regionale
X.3Il commercio su scala mediterranea
Bibliografia

Forse ti potrebbe interessare anche

Iscriviti alla Newsletter

Per essere informato regolarmente sulle nostre novità.